Home » deuteronomio » Deuteronomio 33

Deuteronomio 33

Scegli Versione/i da visualizzare in parallelo

Nuova Riveduta C.E.I. Nuova Diodati Luzzi/Riveduta Diodati

Un servizio di La Parola.net.

Indice altri libri della bibbia

Deuteronomio 33

Benedizione profetica di Mosè
Ge 49:1-28 (Es 28:17-21, 29-30)
1 Questa è la benedizione con la quale Mosè, uomo di Dio, benedisse i figli d’Israele, prima di morire. 2 Disse dunque:
«Il SIGNORE è venuto dal Sinai,
è spuntato per loro dal Seir,
ha sparso la sua luce dal monte di Paran,
è venuto dalle miriadi sante;
dalla sua destra usciva il fuoco della legge per loro.
3 Certo, il SIGNORE ama i popoli;
tutti i suoi santi sono nella tua mano.
Essi si abbassano ai tuoi piedi
e raccolgono le tue parole.
4 Mosè ci ha dato una legge,
eredità dell’assemblea di Giacobbe;
5 ed egli è stato re in Iesurun,
quando si adunavano i capi del popolo
e tutte insieme le tribù d’Israele.
6 Viva Ruben! che egli non muoia;
e i suoi uomini siano numerosi!».
7 E questo egli disse per Giuda: «Ascolta, SIGNORE, la voce di Giuda
e riconducilo al suo popolo;
con tutte le sue forze egli lotta per la sua causa;
tu gli sarai di aiuto contro i suoi nemici!»
8 Poi disse di Levi:
«I tuoi tummim e i tuoi urim
appartengono all’uomo fedele che ti sei scelto,
che tu mettesti alla prova a Massa,
e con il quale contestasti alle acque di Meriba.
9 Egli dice di suo padre e di sua madre: “Non lo vedo!”
Non riconosce i suoi fratelli,
e nulla sa dei propri figli;
perché i Leviti osservano la tua parola
e sono i custodi del tuo patto.
10 Essi insegnano i tuoi statuti a Giacobbe
e la tua legge a Israele;
mettono l’incenso sotto le tue narici
e l’olocausto sopra il tuo altare.
11 O SIGNORE, benedici la sua forza
e gradisci l’opera delle sue mani.
Spezza le reni a quelli che insorgono contro di lui,
e colpisci i suoi nemici, sì che non possano rialzarsi».
12 Di Beniamino disse:
«Egli, il prediletto del SIGNORE,
abiterà al sicuro presso di lui.
Il SIGNORE gli farà sempre riparo
ed egli riposerà tra le sue colline».
13 Poi disse di Giuseppe:
«Il suo paese sarà benedetto dal SIGNORE
con i doni più preziosi del cielo; con la rugiada,
con le acque profonde dell’abisso,
14 con i frutti più preziosi che il sole matura,
con quanto di meglio germoglia ogni luna,
15 con i migliori prodotti dei monti antichi,
con i doni più preziosi dei colli secolari,
con i doni più preziosi della terra e di quanto essa racchiude.
16 Il favore di colui che stava nel pruno
venga sul capo di Giuseppe,
sulla fronte di colui che è principe tra i suoi fratelli!
17 Del suo bue primogenito egli ha la maestà;
le sue corna sono corna di bufalo.
Con esse cozzerà contro i popoli tutti quanti insieme,
fino alle estremità della terra.
Tali sono le miriadi d’Efraim,
tali sono le migliaia di Manasse».
18 Poi disse di Zabulon:
«Rallègrati, Zabulon, nel tuo uscire,
e tu, Issacar, nelle tue tende!
19 Essi chiameranno i popoli al monte,
e là offriranno sacrifici di giustizia;
poiché essi succhieranno l’abbondanza del mare
e i tesori nascosti nella sabbia».
20 Poi disse di Gad:
«Benedetto colui che mette Gad al largo!
Egli sta nella sua dimora come una leonessa
e sbrana braccio e testa.
21 Egli si è scelto le primizie del paese,
poiché questa è la parte riservata al condottiero,
ed egli vi è giunto alla testa del popolo,
ha compiuto la giustizia del SIGNORE
e i suoi decreti, insieme a Israele».
22 Poi disse di Dan:
«Dan è un leoncello,
che balza da Basan».
23 Poi disse di Neftali:
«O Neftali, sazio di favori
e ricolmo di benedizioni del SIGNORE,
prendi possesso dell’occidente e del mezzodì!»
24 Poi disse di Ascer:
«Benedetto sia Ascer tra i figli d’Israele!
Sia il favorito dei suoi fratelli
e tuffi il suo piede nell’olio!
25 Le sbarre delle sue porte siano di ferro e di bronzo
e duri quanto i tuoi giorni la tua forza!
26 Nessuno è pari al Dio di Iesurun
che, sul carro dei cieli, corre in tuo aiuto,
che, nella sua maestà, avanza sulle nubi.
27 Il Dio eterno è il tuo rifugio;
e sotto di te stanno le braccia eterne.
Egli scaccia davanti a te il nemico
e ti dice: “Distruggi!”
28 Israele abiterà al sicuro,
la sorgente di Giacobbe sgorgherà solitaria
in un paese di frumento e di mosto,
dove il cielo stilla rugiada.
29 Te beato, Israele! Chi è pari a te,
popolo salvato dal SIGNORE?
Egli è lo scudo che ti protegge,
e la spada che ti fa trionfare.
I tuoi nemici verranno ad adularti,
e tu calpesterai le loro alture».

Da LaParola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *