Home » Isaia » Isaia 13

Isaia 13

Scegli Versione/i da visualizzare in parallelo

Nuova Riveduta C.E.I. Nuova Diodati Luzzi/Riveduta Diodati

Un servizio di La Parola.net.

Indice altri libri della bibbia

Isaia 13

Profezia contro Babilonia
(Is 21:1-10; 47; Gr 50; 51)
1 Oracolo contro Babilonia, rivelato a Isaia, figlio di Amots.
2 Sopra un nudo monte, innalzate un vessillo,
chiamateli a gran voce,
fate segno con la mano,
ed entrino nelle porte dei prìncipi!
3 Io ho dato ordini a quelli che mi sono consacrati,
ho chiamato i miei prodi, ministri della mia ira,
quelli che esultano nella mia grandezza.
4 Si ode sui monti un rumore di gente,
come quello di un popolo immenso;
il rumore di un tumulto di regni, di nazioni radunate:
il SIGNORE degli eserciti passa in rivista l’esercito che va a combattere.
5 Vengono da un paese lontano,
dall’estremità dei cieli,
il SIGNORE e gli strumenti della sua ira,
per distruggere tutto il paese.
6 Urlate, poiché il giorno del SIGNORE è vicino;
esso viene come una devastazione dell’Onnipotente.
7 Perciò, tutte le mani diventano fiacche,
ogni cuor d’uomo viene meno.
8 Sono colti da spavento,
sono presi da spasimi e da doglie;
si contorcono come donna che partorisce,
si guardano l’un l’altro sbigottiti,
le loro facce sono facce di fuoco.
9 Ecco il giorno del SIGNORE giunge:
giorno crudele, d’indignazione e d’ira furente,
che farà della terra un deserto
e ne distruggerà i peccatori.
10 Poiché le stelle e le costellazioni del cielo
non faranno più brillare la loro luce;
il sole si oscurerà mentre sorge,
la luna non farà più risplendere il suo chiarore.
11 Io punirò il mondo per la sua malvagità
e gli empi per la loro iniquità;
farò cessare l’alterigia dei superbi
e abbatterò l’arroganza dei tiranni.
12 Renderò gli uomini più rari dell’oro fino,
più rari dell’oro di Ofir.
13 Perciò farò tremare i cieli,
e la terra sarà scossa dal suo luogo
per l’indignazione del SIGNORE degli eserciti,
nel giorno della sua ira furente.
14 Allora, come gazzella inseguita,
o come pecora che nessuno raccoglie,
ognuno si volgerà verso il suo popolo,
ognuno fuggirà al proprio paese.
15 Chiunque sarà trovato, sarà trafitto,
chiunque sarà preso, cadrà di spada.
16 I loro bimbi saranno schiacciati davanti ai loro occhi,
le loro case saranno saccheggiate, le loro mogli saranno violentate.
17 Ecco, io spingo contro di loro i Medi,
i quali non fanno alcun caso dell’argento
e non prendono alcun piacere nell’oro.
18 I loro archi atterreranno i giovani
ed essi non avranno pietà del frutto del seno:
l’occhio loro non risparmierà i bambini.
19 Babilonia, lo splendore dei regni,
la superba bellezza dei Caldei,
sarà come Sodoma e Gomorra quando Dio le distrusse.
20 Essa non sarà mai più abitata,
di epoca in epoca nessuno vi si stabilirà più;
l’Arabo non vi pianterà più la sua tenda,
né i pastori vi faranno più riposare le loro greggi;
21 ma vi riposeranno le bestie del deserto
e le sue case saranno piene di gufi;
vi faranno dimora gli struzzi,
le capre selvatiche vi balleranno.
22 Gli sciacalli ululeranno nei suoi palazzi,
i cani selvatici nelle sue ville deliziose.
Il suo tempo sta per venire,
i suoi giorni non saranno prolungati.

Da LaParola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *